9° CENSIMENTO INDUSTRIA E SERVIZI: RITARDI NELLA CONSEGNA DEI QUESTIONARI

Dal 21 dicembre saranno avviate le procedure di accertamento della violazione dell’obbligo di risposta ai fini dell’irrogazione delle sanzioni di legge

 

9° Censimento industria e servizi e istituzioni non profit:  nelle marche a meno di un mese dalla scadenza le restituzioni procedono con forti ritardi

Unioncamere Marche “Invitiamo imprese e istituzioni non profit ad accelerare la restituzione dei questionari.”

 

E’ iniziato il conto alla rovescia per la chiusura delle operazioni censuarie del 9° Censimento industria e servizi e istituzioni non profit, partito il 10 settembre per concludersi il 20 dicembre. I dati marchigiani sulle restituzioni dei questionari mostrano sinora una partecipazione non adeguata da parte di imprese e, soprattutto, di istituzioni non profit.  Anche se comunque superiore  alla media nazionale. Al censimento, promosso dall’Istat, collaborano Unioncamere e Camere di commercio.

“Ad oggi” sostiene il Centro Studi Unioncamere Marche “su un totale di 7.860 questionari destinati alle imprese, n e sono stati restituiti 4.192, pari al 53,3 per cento del totale mentre a livello nazionale i questionari restituiti sono il 50,2 per cento.  La stragrande maggioranza dei questionari sono stati compilati via web (41,2 per cento) mentre l’8,8 per cento sono stati consegnati ai punti di ritiro, il 53 per cento agli uffici provinciali del censimento e appena lo 0,3 per cento compilati ai rilevatori in azienda.”

 Decisamente in ritardo invece la restituzione dei questionari da parte delle 15.981 istituzioni marchigiane no profit. Ne sono stati riconsegnati solo 6.037 pari al 37,8 per cento.  In particolare il 18,4 per cento è stato compilato via web, l’11,6 per cento consegnato ai punti di ritiro e il 6,5 per cento all’ufficio provinciale del censimento. Infine l’1,3 per cento è stato compilato dai rilevatori dell’Istat presso le società no profit. In ambito nazionale le società no profit non fanno meglio: restituito solo il 37,3 per cento dei questionari.

I numeri testimoniano dunque una insufficiente collaborazione da parte dei soggetti coinvolti, “Il censimento” afferma Unioncamere Marche “ha propositi e finalità di assoluto rilievo sia per il tessuto economico e sociale, sia per le strategie dei decisori politici. Si tratta di informazioni preziose anche per le imprese stesse, che potranno utilizzarle, grazie alla creazione di un apposito portale. Le informazioni sul non profit aiuteranno a conoscere le dimensioni del fenomeno e il suo peso sull’economia”.

Dal 20 ottobre sono i rilevatori protagonisti del recupero dei questionari che ancora mancano all’appello. Il coordinamento della rilevazione sul campo spetta, infatti, agli Uffici Provinciali di Censimento (UPC) costituiti presso le Camere di Commercio, con la supervisione dell’Istat. Al loro interno operano appunto  i rilevatori, che forniscono assistenza alla compilazione e sorvegliano affinché la restituzione dei questionari avvenga entro i tempi previsti. I contatti degli UPC di pertinenza territoriale sono disponibili all’indirizzo web:
http://censimentoindustriaeservizi.istat.it/istatcens/contatti/

Partecipare al Censimento, del resto, è un dovere sancito dalla legge (art. 7 e 11 del D.lgs. n. 322 del 6 settembre 1989). Restano aperti il canale web per la compilazione on line del questionario e gli sportelli di accettazione presso gli Uffici Provinciali di Censimento.

Forse non tutti sanno che le imprese e le istituzioni non profit entro il 20 dicembre 2012 devono restituire il questionario compilato o saranno soggette a sanzioni. Chi non avesse ancora provveduto, quindi, è invitato a farlo nel breve termine prestando la dovuta collaborazione ai rilevatori.