FIDIMPRESA MARCHE, SEMPRE PIU’ CREDITO ALLE AZIENDE DELLA REGIONE

In crescita le garanzie fornite ai soci  per finanziare la propria attività e le pratiche del fondo antiusura, per assistere le imprese in difficoltà ed evitare che finiscano in mano agli strozzini. Fidimpresa Marche, il Confidi unico della Cna Marche, si conferma anche nel 2012 come l’interlocutore più autorevole del settore nei confronti del sistema bancario marchigiano per definire prodotti, servizi, condizioni a favore delle imprese artigiane e delle piccole e medie imprese.

“L’impegno di Fidimpresa Marche, in questo prolungato periodo di difficoltà,” sostengono il presidente Alberto Barilari e il direttore Giancarlo Gagliardini “ prosegue e continua ad essere  finalizzato ad aiutare il sistema produttivo marchigiano, che, pur contando su un tessuto sano e vitale, è a corto di liquidità. Il nostro sistema diffuso di piccole e medie imprese, anche se da più tardi ci si interroga se è ancora valido o meno, per noi  è ancora bello e continua a garantire reddito e occupazione sul territorio regionale ma è  giunto il momento per le istituzioni di intervenire per alleviare le difficoltà che incontrano i piccoli imprenditori, soffocati dalla tenaglia di crediti inesigibili, da tempi di pagamento lunghissimi e dai debiti che non possono pagare. Ravvisiamo un silenzio preoccupante  e perdurante anche dagli  istituti di credito che debbono fare la loro parte, perché alle piccole imprese arriva sempre meno credito: e quando arriva costa sempre di più. Per qualcuno può sembrare incredibile ma i nostri imprenditori, malgrado tutte le difficoltà, hanno anche il coraggio di continuare ad investire. Lo testimoniano i 613 interventi realizzati e garantiti insieme al Fondo Europeo Investimenti, da gennaio a settembre di quest’anno, per 45,3 milioni di euro.”

Fidimpresa Marche, nata dalla fusione per incorporazione delle cinque Cooperative Artigiane di Garanzia emanazione della Cna Marche (Fidimpresa di Ancona, Nuova Cooperativa Artigiana di Garanzia di Pesaro Urbino, C.A.G. Salomoni di Macerata, C.A.G. Picena di Ascoli Piceno e Consarfidi Marche) è oggi tra i più importanti Confidi della regione, potendo contare su oltre 23 mila soci, 60 collaboratori e 850 milioni di euro di stock di finanziamenti garantiti, con una media di 5 mila operazioni lavorate ogni anno. Fidimpresa Marche è stato anche il primo Confidi marchigiano ad ottenere l’autorizzazione come Ente Finanziario vigilato da Banca d’Italia, iscritto nell’elenco speciale Art. 107 del T.U.B. Fidimpresa Marche è stato inoltre il primo Confidi della regione ad essere accreditato dal Medio Credito Centrale, ottenendo la controgaranzia da parte del Fondo Centrale di Garanzia. Questo comporta maggiore garanzia, maggiore copertura per i soci, migliore accesso al credito  e condizioni economiche più vantaggiose.

Tra gennaio e settembre del 2012, le operazioni deliberate da Fidimpresa Marche sono state 3.346 per un importo di 153,4 milioni di euro: nello stesso periodo dell’anno precedente, le pratiche deliberate erano state 2.608 per 145 milioni di euro. Risultati che confermano l’impegno di Fidimpresa Marche verso i propri soci.

Un impegno ancora più forte da parte di Fidimpresa Marche è stato quello di difendere gli imprenditori dagli usurai. Dall’inizio della crisi il Confidi unico della Cna ha garantito l’accesso al fondo antiusura a 271 piccoli imprenditori per un totale superiore ai 4 milioni di euro.

“Quest’anno in soli nove mesi” affermano Barilari e Gagliardini “ grazie al ricorso al fondo antiusura sono state approvate 63 richieste per 1,5 milioni di euro ed abbiamo già superato di gran lunga il numero complessivo delle pratiche antiusura approvate nel 2011, quando le richieste erano state 40 per 755 mila euro concessi ad imprese artigiane in difficoltà finanziarie.”