ACCORDO DI PROGRAMMA PER L’ENTROTERRA: BUONI I RISULTATI DELLE MISURE REGIONALI.

foto conferenza REgioneSpacca: “21 progetti imprenditoriali finanziati dagli strumenti della Regione per creare nuova occupazione”.

 

“Gli interventi regionali dell’Accordo di Programma stanno funzionando. Con il Fondo regionale sono stati finanziati 21 progetti imprenditoriali, per un contributo concesso totale di oltre 2,6 milioni di Euro che attivano investimenti complessivi sul territorio di 10,8 milioni di Euro con la creazione di 78 nuovi posti di lavoro. Le criticità sui territori interessati sono profonde: si tratta comunque di un segnale di fiducia da sottolineare perché può stimolare ulteriore iniziative imprenditoriali in quanto il Fondo regionale ancora presenta disponibilità finanziarie. Un ulteriore elemento positivo è che le iniziative finanziate sono distribuite in tutte le aree territoriali interessate dall’ADP.

Purtroppo, invece, gli strumenti nazionali dell’Accordo di Programma non hanno ancora finanziato nemmeno un progetto per l’eccessiva rigidità della Legge nazionale 181/89. Il rischio è di vanificare lo sforzo che le Regioni Marche e Umbria stanno compiendo per risolvere la grave crisi occupazionale che pesa sulle aree interne e montane. Avevamo subito informato il Ministero dello Sviluppo di questa gestione burocratica di Invitalia: purtroppo i fatti ci stanno dando ragione. Continueremo a sollecitare il Mise per sbloccare questa situazione inaccettabile di inefficacia operativa della normativa nazionale attraverso la sua semplificazione”: così il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca ha commentato in un incontro con la stampa oggi in Regione  – presente anche l’assessore regionale alle Attività produttive, Sara Giannini – i dati dell’applicazione del bando regionale lanciato nei mesi scorsi dalla Regione Marche per cofinanziare l’Accordo di programma con un fondo di propria competenza. Tale bando utilizza le nuove risorse del Fondo regionale di sviluppo e coesione per sostenere le iniziative imprenditoriali con progetti di investimento sotto i 2 milioni di Euro.

La Regione Marche aveva già impegnato a difesa del lavoro e della coesione dei territori interessati dall’Accordo di Programma 37,7 milioni di Euro attraverso ammortizzatori sociali in deroga, fondi di garanzia per la liquidità delle PMI, aiuti alle assunzioni e progetti di formazione, sostegni agli investimenti e alla cooperazione.

Segna ancora il passo con nessun progetto finanziato l’applicazione della legge nazionale n.181/89 – che doveva rappresentare il principale strumento di attuazione all’Accordo di Programma – gestita da Invitalia su incarico del Ministero per lo Sviluppo economico.

“Le misure regionali dell’Accordo di programma stanno finanziando progetti imprenditoriali che creano occupazione – ha sottolineato Sara Giannini  – e questo significa che gli strumenti attivati sono efficaci ed operativi. L’applicazione della normativa nazionale, invece,  continua ad evidenziando forti criticità, che abbiamo da tempo sottoposto, assieme alla Regione Umbria, al Ministero dello Sviluppo Economico. Il problema è che Invitalia applica prassi operative troppo rigide, che scoraggiano la fruizione della misura da parte delle piccole e medie imprese. Non possiamo permetterci che la situazione economica e occupazionale dell’Entroterra Appenninico, manchi del supporto di un importante strumento di politica industriale nazionale.”

Una posizione critica condivida dalla Cna Marche. –

Le rigidità applicative della legge 181 sono molte. Si va infatti dall’investimento minimo richiesto (pari a due milioni di euro), alla distribuzione fissa degli investimenti tra immobili e macchinari, al rapporto richiesto tra investimenti e addetti, all’elevato ammontare delle garanzie richieste, al costo effettivo reale del finanziamento agevolato concesso, alla mancata previsione di anticipazioni e all’impossibilità di ricorrere a uno strumento diffusissimo nella pratica imprenditoriale come il leasing. Non ammesse inoltre le cooperative, né viene prevista la possibilità – contrariamente a quanto lo stesso codice civile dispone – di considerare gli utili come mezzi propri. Molte di queste rigidità, peraltro, sembrano riconducibili a mere prassi amministrative e non a previsioni di legge.

 

 SCHEDA: L’ATTUAZIONE DELLE MISURE REGIONALI  DELL’ACCORDO DI PROGRAMMA

 

A marzo 2014 sono stati finanziati n. 21 progetti per un contributo concesso totale di 2.6 milioni di Euro che attiva investimenti complessivi sul territorio di  10,8 milioni di Euro e un’occupazione aggiuntiva di 78 unità.

 

Sul piano territoriale coinvolte tutte le aree dove si applica l’Accordo di Programma: sono stati finanziati 1 progetto a Castelplanio, 1 a Cerreto d’Esi, 7 a Fabriano, 2 a Jesi, 1 a Maiolati Spontini, 1 a Monteroberto, 1 a San Paolo di Jesi, 2 a Sassoferrato, 2 a Matelica, 1 a Muccia, 1 a Orciano di Pesaro e 1 a San Costanzo.

 

Le iniziative finanziate dal fondo regionale dell’Accordo di Programma sono equamente distribuite sulle tre tipologie progettuali previste:

-6 di esse riguardano il sostegno alle start up innovative;

-8 sono progetti di investimento produttivo;

-7 rappresentano pacchetti integrati di investimento produttivo e sviluppo sperimentale funzionale e sussidiario al primo.

 

La platea dei potenziali beneficiari è molto ampia, includendo le micro, piccole e medie imprese manifatturiere  dell’artigianato e dell’industria, con progetti d’investimento che variano tra i 150mila euro e i due milioni.

 

Con una dotazione complessiva di 7,8 milioni di euro, lo strumento agevolativo mira a finanziare progetti di  investimento produttivo, di sviluppo sperimentale e di sostegno alle nuove imprese innovative, con riflessi sull’incremento e la stabilizzazione dell’occupazione e sullo sviluppo e coesione del territorio nel suo complesso.

 

Di seguito l’elenco dei progetti finanziati dal fondo regionale dell’Accordo di Programma:

 

COMUNE DI CASTELPLANIO:

  • ·      N. 1 progetto di investimento produttivo presentato dalla Ditta S.T.A. 2000 SRL operante nel settore della meccanica: l’iniziativa riguarda l’ampliamento dell’unità produttiva esistente allo scopo di diversificare la produzione in nuovi prodotti ed aumentare la capacità produttiva; sarà implementato il nuovo processo di produzione componenti per il settore elettromeccanico con l’acquisto di un’isola robotizzata ed attrezzature specifiche.

Investim.ammesso: € 388.500,00  Contributo concesso: € 64.750,00   Incremento occupaz.: n. 2 unità

 

COMUNE DI CERRETO D’ESI:

  • ·      N. 1 progetto di investimento produttivo presentato dalla Ditta DIAP SRL operante nel settore della fabbricazione materie plastiche in forme primarie: l’iniziativa riguarda l’incremento della capacità produttiva, il miglioramento della qualità dei prodotti, la realizzazione di nuovi composti.

Investim.ammesso: €  150.000,00 Contributo concesso: € 22.500,00   Incremento occupaz.: n. 1 unità

 

COMUNE DI FABRIANO

N. 7 progetti finanziati:

 

  • ·      N. 1 progetto di start up innovativa presentato dalla Ditta ANPAGI SRL operante nel settore dei servizi alle imprese, il cui progetto innovativo consiste nell’offrire sul mercato software – hardware  per la misura di flussi gassosi ed il controllo di processo nella miscelazione dei gas.

Investim.ammesso: € 400.800,00 Contributo concesso: € 200.000,00  Incremento occupaz.: n. 3 unità

 

  • ·      N. 1 progetto integrato di investimento produttivo e sviluppo sperimentale presentato dalla Ditta DEMA DI GIANCARLO BALDINI operante nel settore della fabbricazione di tubi e condotti saldati e simili: l’iniziativa riguarda l’ampliamento e la diversificazione della gamma dei prodotti.

Investim. ammesso: €  364.840   Contributo concesso: € 80.015,00    Incremento occupaz.: n. 2 unità

 

  • ·      N. 1 progetto di start up innovativa presentata dalla Ditta MAR TECH SRL operante nel settore della fabbricazione di altre macchine per impieghi speciali nca il cui progetto innovativo consiste nello Sviluppo ed ingegnerizzazione di una linea totalmente automatizzata per la produzione e il total quality control di raccordi metallici per tubazioni idrauliche ad alta pressione dedicate ai sistemi frenanti per il settore automotive.

Investim.ammesso: € 449.230,00 Contributo concesso: €  224.615,00 Incremento occupaz.: n. 5 unità

 

  • ·      N. 1 progetto integrato di investimento produttivo e sviluppo sperimentale presentato dalla Ditta P.G.A. SRL operante nel settore dell’elettronica: l’iniziativa ha ad oggetto la creazione di una nuova unità produttiva per ampliare la capacità produttiva aziendale con una nuova gamma di prodotti elettronici.

Investim.ammesso: € 1.200.000,00 Contributo concesso:€265.000,00 Incremento occupaz.: n. 8 unità

 

  • ·      N. 1 progetto integrato di investimento produttivo e sviluppo sperimentale presentato dalla Ditta SAFIR SRL operante nel settore della meccanica: l’iniziativa ha ad oggetto l’introduzione di una nuova linea di prodotti innovativi per il mercato del self-service.

Investim.ammesso: €  774.000,00 Contributo concesso: € 198.872,50 Incremento occupaz.: n. 5 unità

 

  • ·      N. 1 progetto di investimento produttivo presentato dalla Ditta THALIA FILM SRL operante nel settore delle attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi: l’iniziativa ha ad oggetto la produzione di un film per bambini “Grotto” nello scenario delle grotte di Frasassi.

Investim.ammesso: €  543.000,00 Contributo concesso: € 112.500,00 Incremento occupaz.: n. 4 unità

 

  • ·      N. 1 progetto di start up innovativa presentata dalla Ditta VST SRL operante nel settore delle Consulenze per il settore delle tecnologie dell’informatica: l’iniziativa ha ad oggetto la progettazione e lo sviluppo di un innovativo marketplace per la promozione e vendita di prodotti del settore moda basato sull’utilizzo ibrido delle tecnologie di ultima generazione in ambito web, realtà aumentata e visione dei metodi tradizionali di vendita attraverso presidi fisici.

Investim.ammesso: € 208.800,00  Contributo concesso: € 83.520,00  Incremento occupaz.: n. 2 unità

 

COMUNE DI JESI:

N. 2 progetti finanziati:

 

  • ·      N. 1 progetto di start up innovativa presentato dalla Ditta YESI FOOD SRL operante nel settore alimentare, il cui progetto innovativo consiste nello sviluppo e produzione di alimenti dietoterapici biologici; tale progetto sarà realizzato attraverso un approccio scientifico multidisciplinare includendo l’ottimizzazione delle materie prime, degli ingredienti, dei coadiuvanti tecnologici e di nuovi metodi di lavorazione che permettono la rimozione in toto delle proteine negli alimenti, pur rimanendo nutrizionalmente adeguati per i pazienti che seguono una dieta sotto controllo medico.

Investim.ammesso: € 177.020,00  Contributo concesso: € 70.808,00  Incremento occupaz.: n. 4 unità

 

  • ·      N. 1 progetto di start up innovativa presentato dalla Ditta EVOLVEA SRL (già Application Engineering Factory srl) operante nella  consulenza nel settore delle tecnologie dell’informatica, il cui progetto innovativo consiste nella realizzazione di un sistema pervasivo di sorveglianza e misura delle esalazioni di gas inquinanti odorigeni; il progetto non prevede la commercializzazione delle strumentazioni ma l’utilizzo di queste ultime per la realizzazione di un servizio di consulenza multidisciplinare.

Investim.ammesso: € 450.000,00 Contributo concesso: € 225.000.00  Incremento occupaz.: n. 4 unità

 

COMUNE DI MAIOLATI SPONTINI

  • ·      N. 1 progetto integrato di investimento produttivo e sviluppo sperimentale presentato dalla ditta TGS STAMPI SRL operante nel settore della costruzione, manutenzione e riparazione stampi; il progetto si propone di realizzare nuovi investimenti produttivi finalizzati alla costruzione di stampi innovativi per la produzione di manufatti plastici.

Investim.ammesso: € 770.000,00 Contributo concesso: € 182.875,00  Incremento occupaz.: n. 4 unità

 

 

COMUNE DI MONTEROBERTO

  • ·      N. 1 progetto di investimento produttivo presentato dalla ditta INDUSTRIE MARCHIGIANE FILTRI SRL operante nel settore della fabbricazione di altri articoli tessili tecnici ed industriali: il progetto è finalizzato al raddoppio produttivo e allo sviluppo di nuovi prodotti.

Invest.ammesso: €1.694.087,40 Contributo concesso: € 194.618,49  Incremento occupaz.: n. 11 unità

 

COMUNE DI SAN PAOLO DI JESI

  • ·      N. 1 progetto di investimento produttivo presentato dalla ditta TERMO FORGIA SPA operante nel settore dei lavori di meccanica generale. L’iniziativa consiste nell’investimento in nuove tecnologie che prevede l’acquisto di una macchina automatica taglio termico al plasma con la particolarità dei tagli a smusso, obliqui e longitudinali e annesso all’acquisto di tale macchinario un sistema di aspirazione e filtro di fumi e polveri generati dalla macchina al plasma.

Investim.ammesso: € 207.500,00  Contributo concesso: € 32.350,00   Incremento occupaz.: n. 2 unità