Alberto Barilari nuovo Presidente di Fidimpresa Marche

L’imprenditore pesarese, vicepresidente della Cna Marche e della Cna provinciale di Pesaro e Urbino, subentra a Silvano Gattari che ne è stato presidente solo per pochi mesi, dopo la prematura scomparsa di Giuliano Drudi, storico presidente di Cna Marche prima e di Fidimpresa poi.

 

ALBERTO BARILARI NUOVO PRESIDENTE DI FIDIMPRESA MARCHE APPROVATI ANCHE IL BILANCIO 2010 E IL PIANO DI LAVORO 2011

 Alberto Barilari, imprenditore pesarese di 47 anni,  titolare della Neomec, società specializzata nella realizzazione di macchine industriali, è il nuovo presidente di Fidimpresa Marche, il Confidi unico della Cna regionale. Barilari, da sempre impegnato nella Cna, attualmente ricopre anche il ruolo di    vicepresidente della Cna Marche e della Cna provinciale di Pesaro e Urbino. Nel Confidi artigiano è stato vicepresidente del consiglio di gestione tra il 2006 e il 2009 ed oggi ne assume la guida, sostituendo Silvano Gattari che ne è stato presidente solo per pochi mesi, dopo la prematura scomparsa di Giuliano Drudi, storico presidente di Cna Marche prima e di Fidimpresa poi.

A nominare Barilari nuovo presidente è stata l’Assemblea dei soci, che ha anche approvato il Bilancio consuntivo 2010 e il piano di lavoro per l’anno in corso.

Fidimpresa è il più importante Confidi delle Marche, potendo contare su 22 mila soci, 60 collaboratori e 850 milioni di euro di stock di finanziamenti garantiti

 Nel  2010 ben 3.639 piccoli e medi imprenditori marchigiani si sono rivolti a Fidimpresa Marche, per chiedere garanzie al fine di ottenere finanziamenti dalle banche o per accedere al fondo antiusura per un importo complessivo di 67,3 milioni di euro. La stragrande maggioranza degli artigiani che ha fatto ricorso a Fidimpresa Marche lo ha fatto o per accedere a  finanziamenti convenzionati (1.982) o per accedere ai fondi della legge regionale 20 del 2003 (.(lo hanno fatto in 1.331)  In entrambi i casi  per risolvere problemi di liquidità. Soltanto poco più di 300 hanno fatto ricorso ai finanziamenti per realizzare investimenti aziendali. Alla fine del 2010 ammontavano a 2,3 milioni di euro, le garanzie in essere di Fidimpresa per il fondo antiusura, che ha salvati i dal rischio di finire tra le braccia degli strozzini centinaia di imprenditori artigiani.

“La vera sfida per  Fidimpresa Marche” ha dichiarato il nuovo presidente  Alberto Barilari “consiste nel sostenere in particolare quelle imprese che presentano concrete prospettive di equilibrio economico, finanziario e patrimoniale, anche laddove, per effetto della crisi, nel breve termine non siano del tutto meritevoli di credito. Su questo moltiplicheremo il nostro impegno nei prossimi mesi, chiedendo la collaborazione di banche e istituzioni. Una prima risposta è arrivata dalla Regione che ha stanziato 5 milioni di euro  con i quali sarà possibile aprire canali del credito bancario, con un effetto leva  che permetterà di ottenere finanziamenti in favore delle imprese per una somma totale superiore a 150 milioni di euro.”