ASCOLI PICENO, 9° FESTA DELL’ARTIGIANO.

FOTO PICCIAIOLA ASCOLI PINTERNAZIONALIZZAZIONE E TURISMO PER IL FUTURO DEL TERRITORIO

Autorità dal territorio e oltre 200 imprenditori artigiani alla tradizionale Festa dell’Artigiano della Cna di Ascoli Piceno che quest’anno si è svolta al ristorante La Perla Preziosa di Grottammare. Come consuetudine premiati anche gli imprenditori da più tempo iscritti all’Associazione. Quest’anno hanno ricevuto la targa “Una vita con la Cna”: Enio di Mattia (Ascoli), Gianni Capriotti (Castignano), Giuliano Acciarri (Grottammare), Giuseppe Lelli (San Benedetto), Piero Ballatori (Castorano), Patrizia Urro (Comunanza). Premi speciali a: Claudio Fiori di Ascoli (per “L’arte che addolcisce i percorsi della via”) e Simone Catalini di San Benedetto (per “Essere padroni del mare e del proprio futuro”). Durante il pranzo sociale c’è stata anche una spassosa performance del comico di Zelig, Maurizio Santilli.

“Internazionalizzazione e turismo, ovvero far conoscere e promuovere le eccellenze del nostro territorio con un’azione duplice e convergente. Con l’Internazionalizzazione proponendo prodotti e servizi direttamente sui mercati esteri, con il turismo incentivando l’afflusso di persone da altre regioni d’Italia e da altre nazioni verso il Piceno”. Così Gino Sabatini, presidente della Cna di Ascoli, ha sintetizzato, salutando gli ospiti presenti alle Festa, due punti cardine dell’azione Cna, prevista per il 2013, in favore dell’economia Picena.

“L’importanza di questa azione e la condivisione di un percorso per renderla cosa concreta e non solo uno slogan – aggiunge Francesco Balloni, coordinatore provinciale dell’Associazione – è stato uno dei temi trattati nel tradizionale appuntamento con la Festa dell’Artigiano che quest’anno è giunta alla 9a edizione. Ormai una tradizione che per noi significa sia trovarsi insieme agli imprenditori per condividere problemi, esigenze e speranze, sia rimarcare il valore di un’appartenenza. Ovvero il valore di stare insieme per far sentire più forte la voce soprattutto di piccole e piccolissime imprese che, pur contribuendo sempre in misura maggiore a sostenere redditi e occupazione malgrado il momento difficilissimo che stiamo vivendo, non sempre ricevono dal mondo della politica e da quello della finanza e del credito l’attenzione che meriterebbero”.

 

100_1308 100_1313 100_1315 100_1320 100_1360 100_1370