EMERGENZA NEVE – CNA e CONFARTIGIANATO CHIEDONO IL RINVIO DELLE IMPOSTE PER LE IMPRESE COLPITE

Cna e Confartigianato Marche si rivolgono alle istituzioni e ai parlamentari locali per chiedere un rinvio della prossima scadenze

 

EMERGENZA NEVE “PER LE IMPRESE COLPITE CHIEDIAMO UN RINVIO DELLE IMPOSTE”

 

 “A causa dell’emergenza neve che ha colpito duramente le Marche e che sta mettendo ulteriormente in ginocchio un’economia giù duramente provata dalla crisi, chiediamo alle Istituzioni locali (Regione Marche, Province, Comuni), ed ai parlamentari eletti nei collegi, di attivarsi immediatamente per ottenere dallo Stato un rinvio delle imposte previste per le imprese danneggiate dall’ondata di maltempo”.

E’ quanto chiedono Confartigianato e Cna Marche a fronte della gravissima situazione determinatasi in moltissime zone della regione  colpite dalle nevicate dei giorni scorsi.

“Alla luce di questa situazione, che “ affermano  Cna e Confartigianato Marche “ha determinato la chiusura di nostri e altri uffici che offrono assistenza fiscale alle imprese, ed in attesa di provvedimenti da parte della protezione civile che individuino nel dettaglio le aree interessate, chiediamo di valutare l’adozione di un provvedimento urgente che preveda la possibilità di uno slittamento delle scadenze per le imposte”.

La prossima scadenza è dietro l’angolo ed è quella del 16 febbraio e prevede per quella data l’acconto Iva, le ritenute Irpef e contributi Inps per i dipendenti; la scadenza del minimale Inps per artigiani e commercianti; la scadenza dell’autoliquidazione Inail).

Gli artigiani auspicano un rapido intervento che – analogamente a quanto disposto per gli eventi alluvionali del novembre 2011 che hanno interessato alcune province della Toscana e della Liguria – preveda la disapplicazione delle sanzioni nel caso in cui il ritardo nell’effettuazione degli adempimenti e dei versamenti sia dovuto a cause di forza maggiore.

“Tanto più” concludono  “che le condizioni meteo delle prossime ore prevedono una nuova ondata di neve e gelo su molte zone delle Marche. Facile immaginare che gli attuali disagi potranno essere solo amplificati dalle nuove precipitazioni e dunque a maggior ragione chiediamo che possano essere adottati urgentemente provvedimenti urgenti che possano aiutare le aziende in questo momento di difficoltà”.