“HOMO FABER”, DI BOTTEGA IN BOTTEGA NELLA TERRA DELLE ECCELLENZE

Un progetto di Cna Marche in collaborazione con la Regione Marche e il supporto tecnico di Globe Inside per lo sviluppo dei cluster del saper fare e del turismo esperenziale nelle aree del cratere e nel territorio marchigiano

“HOMO FABER”, DI BOTTEGA IN BOTTEGA NELLA TERRA   DELLE ECCELLENZE.

DA LOTTO, LEOPARDI E RAFFAELLO ALL’ARTIGIANATO DI QUALITA’, IN UN VIAGGIO TRA LE MARCHE DEI MAESTRI E LE MARCHE DEI MESTIERI

 “Homo Faber,di bottega in bottega nelle Marche del saper fare”.Il progetto è stato presentato a Muccia (Mc) da Regione Marche, Cna Marche e Globe Inside. Di borgo in borgo nella terra delle eccellenze in viaggio tra manifattura e cultura, spiritualità e arte del saper fare, enogastromia, agroalimentare e ambiente. Un viaggio che partirà dall’area del cratere, che ha subito le pesanti conseguenze del terremoto che ha colpito duramente le attività turistiche e produttive. Dai borghi storici, dai casolari e dalle colline del piceno che regalano vini di eccellenza agli ori, alle ceramiche e ai tessuti dei maestri artigiani ascolani e maceratesi alle calzature di qualità del fermano ed ai maestri cappellai di Montappone. Per far ripartire un territorio piegato dal sisma ma che non si è mai arreso.

Dopo i saluti del sindaco di Muccia Mario Baroni e del presidente della Cna territoriale di Macerata Giorgio Ligliani, sono stati i funzionari della della Regione Marche Frida Paolella e Alberto Mazzini a illustrare “il cluster del saper fare” e le sue prospettive di sviluppo nell’ambito di di “Destinazione Marche”, il piano di valorizzazione del turismo marchigiano.

Il progetto “Homo faber, di bottega in bottega nella terra delle eccellenze” è stato presentato da Gabriele di Ferdinando responsabile Unione Commercio e Turismo Cna Marche. Sulle fasi del percorso ha relazionato Marco Cocciarini rappresentante di Globe Inside, partner tecnico del progetto. Sono intervenuti anche Marco Antonini del Dipartimento sostenibilità sistemi produttivi territoriali dell’Enea e Stefania Monteverdi, vice sindaco di Macerata e coordinatrice di Marca Maceratese. L’evento è stato concluso da Moreno Pieroni, assessore al Turismo, Beni e Attività culturali della Regione Marche.

Area del cratere, turisti in fuga. Nelle aree colpite dal sisma in questi anni gli arrivi sono diminuiti del 22,2 per cento. Inoltre i visitatori hanno ridotto i tempi di permanenza, con un calo delle presenze del 35,3 per cento. Più accentuata la fuga degli stranieri con gli arrivi che sono calati del 26,5 per cento e le presenze del 40 per cento. Ovvia conseguenza il fatto che dal 2015 ha cessato l’attività il 7,1 per cento delle strutture di alloggio con la perdita del 17,2 per cento di posti letto.

Riportare i turisti, specialmente stranieri, nelle Marche e nell’area del cratere. E’ uno degli obiettivi della Regione e del progetto “Homo Faber”, puntando sul turismo esperienziale e sull’accoglienza da parte degli artigiani marchigiani in un contesto ambientale, culturale e artistico di eccellenza, come quello della nostra regione, espressione di un felice connubio tra enogastronomia, artigianato, arte e territorio. Previste anche La creazione di un “Marchio di qualità artigiana”, di un “Club di   strutture ricettive” e di un portale dedicato al turismo esperienziale delle Marche.

Esperienziale, il turismo del futuro. Secondo una ricerca di Booking.com, una delle più importanti piattaforme che si occupa di turismo, un viaggiatore su tre sceglie un’esperienza da vivere sviluppando relazioni con il territorio e con la gente del luogo. Più di un terzo degli intervistati dichiara di preferire le strutture ricettive alternative agli alberghi. Turismo sensoriale ed esperienziale sono al centro delle politiche di promozione della Regione Marche, all’insegna della destagionalizzazione dell’offerta turistica In questo contesto si colloca “Homo Faber”, con la promozione delle botteghe artigiane in stretto rapporto con l’arte, la cultura e le strutture turistiche e ricettive del territorio. Insomma da Lorenzo Lotto, Raffaello e Leopardi all’artigianato artistico di qualità, in un viaggio tra le Marche dei maestri e le Marche dei mestieri.