IL CAF CNA SOSPENDE L’AGENZIA DELLE IMPRESE IN LAZIO, MARCHE E VENETO

TROPPA BUROCRAZIA E POCO VALORE. IL CAF CNA SOSPENDE L’AGENZIA DELLE IMPRESE NELLE TRE REGIONI AUTORIZZATE: LAZIO, MARCHE E VENETO

Troppa burocrazia e poco valore. Il Caf CNA sospende l’Agenzia delle imprese nelle tre regioni autorizzate: Lazio, Marche e Veneto. “La chiusura è stata una decisione sofferta”, ha spiegato l’Amministratore delegato del Caf CNA, Armando Prunecchi.

“Non potevamo restare indifferenti – ha aggiunto – di fronte ad una realtà che per l’effetto combinato del carico burocratico, con 2800 procedimenti da gestire,  e della mancata semplificazione legislativa unita ad una differenza di operatività  di utilizzo degli sportelli, ha avuto come risultato finale un numero di pratiche gestite in tre anni  davvero esiguo”.

“E’ doveroso ricordare che abbiamo deciso di chiudere queste attività, avviando con il Ministero dello Sviluppo Economico tutte le misure necessarie, nonostante i costi non banali sostenuti dal Caf CNA per impiantare, certificare e gestire l’Agenzia delle imprese. Con altrettanta chiarezza va detto che, se in futuro interventi legislativi adeguati dovessero mutare la situazione attuale collocando le Agenzie dove era stato pensato che dovessero operare, e cioè in modo da agevolare la vita e il lavoro degli imprenditori e degli intermediari, sarà nostra cura e interesse riattivare questa opzione. Abbiamo dimostrato con questa esperienza che siamo capaci di gestire la sussidiarietà, una sussidiarietà – ha concluso – che però ha un senso e può funzionare solo se è più semplice”.