INCONTRO DI FORMAZIONE SUI NUOVI CONTRATTI DI LAVORO

FOTOPRESENTATO ANCHE SAN.ARTI. il FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I LAVORATORI DELL’ARTIGIANATO 

Apprendistato e nuovi contratti di lavoro. Sono questi i temi affrontati da Cna, Confartigianato Marche e ministero del Lavoro  in un incontro di formazione alla Fiera della Pesca di Ancona, al quale hanno partecipato i direttori delle direzioni regionale e provinciali del Lavoro.

Coordinato dai responsabili per le politiche del lavoro di Cna Valter Recchia e della Confartigianato Marco Pantaloni, il seminario è stato introdotto dAlla direttrice della Direzione regionale del Lavoro Silvana Lucia Damiani. Ad affrontare il tema della nuova procedura conciliativa per i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo, ha provveduto Giampiero Guiducci, della Direzione regionale del lavoro. Mentre Simonetta Di Biase (Direzione territoriale Ancona) ha parlato della diffida accertativi dopo la circolare n.1 dell’8 gennaio 2013. Altro argomento seguito con grande interesse dagli oltre 140 funzionari  e consulenti di Cna e Confartigianato presenti,  è stato quello del contratto di lavoro a progetto e della collaborazione in partita Iva alla luce delle circolari n.29 e n.32 del 2012, sul quale si è soffermato Daniele Del Rio (Dtr Ancona). Infine Pierluigi Nausei, direttore del Dipartimento territoriale di Macerata, ha relazionato sull’apprendistato dopo la legge n.92 del 2012. Hanno partecipato all’incontro, tra gli anche i direttori dei Dipartimenti territoriali di Ancona Dina Musio, di Ascoli Piceno Giuseppina Natali e di Pesaro Roberto Sabatucci.

La giornata di lavoro è poi proseguita con la presentazione di SAN.ARTI, il Fondo di assistenza integrativa per i lavoratori dell’artigianato. La Cna, la Confartigianato, la Casartigiani e la Claai con Cgil, Cisl e Uil, con questa iniziativa, hanno voluto espandere il sistema del welfare contrattuale e garantire ai lavoratori delle imprese dell’artigianato un’importante protezione sanitaria, che completa e supporta il servizio offerto dal sistema sanitario nazionale.

“Il Fondo” spiega Valter Recchia “è operativo e con l’F24 del 16 marzo si effettuerà il primo versamento della contribuzione.  I lavoratori iscritti hanno diritto alle prestazioni dopo sei mesi dalla prima contribuzione. Quindi, a partire da agosto, sarà possibile per centinaia di migliaia di lavoratrici e lavoratori dell’artigianato, usufruire di un robusto pacchetto di prestazioni di sanità integrativa come il rimorso dei ticket sanitari, le visite specialistiche, l’alta diagnostica, i grandi interventi, la prevenzione, le cure dentistiche, la verifica della sindrome metabolica ed il sostegno fisioterapico in caso di infortunio o grave malattia invalidante”.

Il Fondo riguarda  i settori che hanno già recepito l’accordo interconfederale: meccanica, impiantisti, orafi, odontotecnici, chimici, ceramisti, legno e lapidei, alimentare e panificazione, acconciatura, comunicazione, tessile.

Presso le strutture territoriali di Cna e delle altre associazioni di rappresentanza delle imprese, i sindacati e l’Ebam, sono disponibili tutti i necessari materiali informativi , per imprese, lavoratori e consulenti. Inoltre ci si può collegare con il sito www.sanarti.it .

IMG_0126

 

IMG_0127

 

IMG_0138