LE MARCHE A RISCHIO DI INFILTRAZIONE MAFIOSA? INIZIATIVA CNA MARCHE AD ANCONA IL 9 GIUGNO

Si terrà ad Ancona sabato 9 giugno alle ore 10,30 alla sala del ridotto del  Teatro delle Muse. Parteciperanno il presidente della Corte di Appello di Ancona Paolo Angeli; Paola Senesi per l’associazione “Libera” delle Marche; l’assessore regionale Sara Giannini; il presidente nazionale Cna Fita Cinzia Franchini; Maria Belfiore, imprenditrice e presidente dell’associazione antiracket Napoli “Centro per la legalità”; il segretario nazionale Cna Sergio Silvestrini. Condurrà il dibattito il vicedirettore del Tg2 Stefano Marroni.

 

LE MARCHE NEL MIRINO DELLA MAFIA

“SULLA STRADA DELLA LEGALITA’”, SABATO UN CONVEGNO DI CNA MARCHE, E “LIBERA” PER LANCIARE L’ALLARME CRIMINALITA’ ORGANIZZATA

 

Le Marche a rischio di penetrazione mafiosa. I reati tipicamente legati a forme di criminalità organizzata come  estorsioni, episodi di usura, attentati, riciclaggio, contrabbando e spaccio, sono aumentati nella nostra regione. Secondo gli ultimi dati del Censis, vengono commessi 30 reati di questo tipo in un anno ogni 100 mila abitanti, per un totale di circa 500 episodi criminosi. Siamo ancora lontani dalla media annua nazionale del 45,2 per mille abitanti ma qui sono le regioni del sud a far impennare la statistica , con una media del 70,6 per mille.

In particolare le estorsioni riconosciute come reato, secondo il rapporto 2012 della Dia (Direzione investigativa antimafia), sono state 113 in tutto il 2010 e 45 nel primo semestre 2011, con 134 soggetti denunciati, di cui 34 stranieri.

Per lanciare l’allarme sul rischio criminalità organizzata per le Marche, l’associazione “Libera”, la Cna Marche e Cna Fita, hanno organizzato un convegno che si terrà ad Ancona sabato 9 giugno alle ore 10,30 alla sala del ridotto del  Teatro delle Muse. Dopo l’introduzione del presidente della Cna Marche Renato Picciaiola, ne discuteranno il presidente della Corte di Appello di Ancona Paolo Angeli; Paola Senesi per l’associazione “Libera” delle Marche; l’assessore regionale Sara Giannini; il presidente nazionale Cna Fita Cinzia Franchini a cui la criminalità organizzata ha fatto avere due mesi fa una busta con tre proiettili;Maria Belfiore, imprenditrice e presidente dell’associazione antiracket Napoli “Centro per la legalità”; il segretario nazionale Cna Sergio Silvestrini. Condurrà il dibattito il vicedirettore del Tg2 Stefano Marroni.

Conferme del fatto che la mafia sta scoprendo le Marche vengono anche da indagini, operazioni di polizia e processi degli ultimi anni. Alcuni esempi. Un’associazione di stampo camorristica è stata scoperta nel 2009 tra Ascoli Piceno, Macerata e Ancona mentre, sempre nello stesso anno, settantasette persone legate alla Sacra Corona Unita sono state condannate ad Ancona per episodi criminosi nel fermano ed altri esponenti sono stati arrestati nel 2010 a Fano.  Un giro d’affari e droga legato alla mafia siciliana è stato scoperto nel 2010 tra Ancona e Siracusa mentre l’intero territorio marchigiano è stato interessato lo scorso anno da un’operazione che ha portato all’arresto di diversi soggetti legati alla mafia catanese.