MALAVASI: “RENDERE IMMEDIATAMENTE OPERATIVI GLI STRUMENTI PER FAVORIRE L’OCCUPAZIONE E LA PRODUTTIVITA’ “

foto MALAVASI“In Italia è sicuramente molto importante abbassare il costo del lavoro e ridurre il cuneo fiscale. E per cercare di agganciare la ripresa, che in qualche Paese europeo sembra in atto, è ancora più importante incrementare la produttività delle imprese. Sono problemi che vanno affrontati e risolti, ma subito. Perché non basta approvare strumenti legislativi e dichiararsene fieri con i media. Bisogna rendere questi provvedimenti fruibili. Invece, spesso si perdono nei meandri burocratici e non ne escono più”. Lo ha affermato Ivan Malavasi, presidente della Cna e di Rete Imprese Italia, intervenendo questa mattina alla trasmissione “Radio anch’io” (Radio Uno Rai).

Tra le decisioni che il governo potrebbe adottare rapidamente con sicura ricaduta sull’occupazione e la produttività, Malavasi ha indicato gli interventi sui contratti a termine in vista dell’Expo Milano 2015 e la rimodulazione dell’Aspi, la prestazione economica che dal primo gennaio scorso sostituisce l’indennità di disoccupazione.

“Noi chiediamo, limitatamente al biennio 2014/2015 – ha spiegato Malavasi – l’eliminazione della causale oggi richiesta per i contratti a termine di durata superiore ai dodici mesi.  L’Expo può costituire un’opportunità per rilanciare il Paese e dobbiamo fare del nostro meglio per cercare di sfruttarne le potenzialità, prima di tutto allo scopo di far entrare i giovani e rientrare i disoccupati nel mercato del lavoro. Ma, di fronte a un’opportunità del genere, faccio fatica a capire, per esempio, perché bisogna favorire un settore produttivo e penalizzarne un altro, dare opportunità alla Lombardia e privarne la Sicilia”.

“Quanto all’Aspi noi non chiediamo riduzioni o esenzioni  o penalizzazioni a carico dei lavoratori – ha sottolineato in conclusione Malavasi – ma solo la restituzione integrale di questa addizionale qualora il contratto a termine venga trasformato in contratto a tempo indeterminato”.