“MARCHE ECCELLENTI 2019”, LA CNA HA PREMIATO LE IMPRESE CON LE MIGLIORI PRATICHE INNOVATIVE

Nel “Repertorio 2019 delle imprese Eccellenti” le aziende che si  sono distinte nell’innovazione per lo sviluppo commerciale, per ricerca e sviluppo, per la gestione delle persone, per la strategia e l’organizzazione, per le strategie di internazionalizzazione. Premi speciali sono andati all’impresa-donna più innovativa ed a quelle  con la migliore sostenibilità ambientale.

“MARCHE ECCELLENTI 2019”, LA CNA HA PREMIATO LE IMPRESE CON LE MIGLIORI PRATICHE INNOVATIVE

 Dall’automazione per la sicurezza in casa all’innovazione applicata agli elettrodomestici ed alle attrezzature per il fitness. Dalla tecnologia al servizio del comfort in casa e in ufficio all’innovazione nella logistica dei trasporti e nella meccanica di precisione. Sono queste alcune delle “Prassi Eccellenti” scelte dalla Cna Marche tra le imprese artigiane che si sono distinte nel 2019 per l’introduzione di pratiche innovative nella gestione delle risorse umane, nella innovazione e ricerca, nelle strategie per l’internazionalizzazione, nello sviluppo commerciale, nell’innovazione strategica e organizzativa. Le aziende selezionate sono state inserite nel “Repertorio 2019 delle imprese Eccellenti”. Inoltre una giuria qualificata di esperti ha scelto, tra le imprese del “Repertorio”, quelle che potranno fregiarsi del riconoscimento Cna di “Prassi eccellente 2019”, mentre menzioni speciali sono andate a due aziende per la sostenibilità ambientale. Una menzione speciale anche alla impresa donna più innovativa.

Le Marche Eccellenti” è un progetto della Cna, realizzato con il contributo della Camera di Commercio Unica delle Marche.

“Sono più di 2.500” ha ricordato il direttore del Centro Studi Cna Marche Giovanni Dini “le imprese marchigiane innovatrici con investimenti annui per quasi 700 milioni di euro mentre le imprese impegnate in settori ad alta conoscenza sono oltre 25 mila con 17 mila occupati. Le imprese innovatrici, quelle ad alta conoscenza e quelle che investono in ricerca e sviluppo stanno sul mercato meglio delle altre. Se il tasso di sopravvivenza a tre anni delle imprese marchigiane, è inferiore al 50 per cento, quello di queste aziende sale ad oltre il 60 per cento. Innovazione, conoscenza e ricerca sono fattori che aiutano la loro competitività. Le imprese marchigiane – ha precisato Dini – investono in ricerca e sviluppo circa 300 milioni di euro all’anno. Sono 5.662 gli addetti che lavorano nella ricerca e sviluppo di cui 1.962 ricercatori”.

Alla relazione di Dini è seguita una tavola rotonda su “Come gestire con successo i processi di trasformazione nelle piccole e medie imprese”. Vi hanno partecipato Ilario Favaretto docente di Economia Regionale all’Università di Urbino; Silvano Bertini dirigente del servizio Attività produttive della Regione Marche; Paolo Mariani direttore di UNI.CO Confidi delle Marche; Gino Sabatini presidente della Camera di Commercio delle Marche e di Cna Marche; Mario Pagani responsabile nazionale dipartimento Politiche Industriali Cna. Il dibattito è stato moderato dalla giornalista Agnese Testadiferro. Al termine della tavola rotonda sono stati consegnati i riconoscimenti della Cna alle imprese eccellenti del 2019, a cura del social media strategist Riccardo Pirrone.

“Realizzare ogni anno il repertorio regionale delle imprese eccellenti,” ha sostenuto Gino Sabatini “significa affermare che ripresa e sviluppo non dipendono solo da fattori esterni come le riforme della politica, il sostegno al credito, la semplificazione burocratica e la riduzione della pressione fiscale. Accanto a questi elementi c’è la capacità imprenditoriale, che significa dedicare attenzione e risorse alla formazione, alla qualificazione professionale, alla capacità innovativa, sapendo fare sistema e lavorare in rete. Inoltre, le imprese selezionate nel repertorio e quelle premiate costituiscono un esempio da seguire per le altre  piccole imprese delle Marche”

Piccole imprese, il sostegno di Uni.Co, il Confidi delle Marche. “Siamo in campo” ha annunciato Paolo Mariani direttore di Uni.co “per affiancare le imprese marchigiane attraverso il credito diretto, fidejussioni, garanzie e consulenze e vogliamo fungere da stimolo alle banche, che non possono prescindere da un sostegno forte all’economia dei territorio per i quali lavorano”.

Il ruolo della Cna. “La nostra associazione” ha dichiarato Mario Pagani responsabile nazionale Cna Dipartimento politiche industriali “favorisce la crescita delle imprese, l’innovazione tecnologica  e l’accesso ai mercati esteri. Inoltre promuove azioni per la messa in rete delle piccole imprese e per favorire i rapporti col mondo universitario e della ricerca”

BOX

“Marche Eccellenti”, le imprese delle migliori prassi eccellenti 2019

Per l’innovazione nella gestione delle risorse umane: Tecno Group srl (AP) e OMP di Pettinari &c. (PU).  Per l’innovazione e ricerca Daikin Brasili Comfort (FM) e Trismeccanica (FM). Per l’innovazione nella strategia per l’internazionalizzazione  GicherStampa di Donzelli Maura & c. (FM) e Ksenia Security (AP).

Per l’innovazione nello sviluppo commerciale; Teachart (AN).

Per l’innovazione strategica e organizzativa Rilo Metal (AN), Salumificio di Genga (AN), Metaldomo dei F.lli Bonvecchi e c. (MC), Trasporti ecologici Cirioni Arduino (MC) e Autotrasporti Guerra Graziano (PU).

Menzione speciale per la sostenibilità ambientale: Clara Marcelli azienda agricola biologica (AP) e Angeli Scatolificio (PU).

Menzione speciale come impresa donna innovativa:Pelletteria Tommasi Lucia (MC).