MARCHE, TERRA DI PENSIONATI. OLTRE UN TERZO DEI RESIDENTI PERCEPISCE UN ASSEGNO DALL’INPS

fOTO PENSIONATO AL MARE

La provincia marchigiana con più pensionati è Ancona che, con il 40,4 per cento della popolazione in pensione, si colloca al secondo posto in Italia ma sale al primo posto per le pensioni di vecchiaia con il 14,4 per cento.

MA GLI IMPORTI SONO TRA I PIU’ BASSI D’ITALIA

Confartigianato e Cna; “servono servizi sociali e assistenziali per aiutare la maggioranza dei pensionati marchigiani, che sono i più numerosi d’Italia e percepiscono assegni mensili ben al di sotto della media nazionale.”

 Marche, terra di pensionati. Soprattutto nelle province di Ancona ed Ascoli Piceno ma in tutte le province della regione, il numero delle pensioni erogate dall’Inps è superiore alla media nazionale e riguarda più di un marchigiano su tre. Lo sostengono Cna e Confartigianato Marche, che hanno analizzato i dati delle province marchigiane sulla base di una indagine del Sole 24 ore.

“Nella provincia di Ancona” affermano Confartigianato e Cna Marche “il 40,4 per cento della popolazione residente è titolare di un assegno pensionistico e percepisce in media 685 euro a testa. A precederla nella classifica delle province italiane solo Biella dove i pensionati sono il 42 per cento. Appena sotto Ascoli Piceno che si piazza al quarto posto con il 39,4 per cento di pensionati mentre a Macerata percepisce un reddito pensionistico il 34,6 per cento dei residenti con Pesaro Urbino appena sotto, al 33,8 per cento. La provincia delle Marche con meno pensionati è Fermo (30,8) che si piazza al 61 esimo posto in Italia. Se i pensionati sono tanti – commentano le associazioni artigiane – gli importi degli assegni sono bassi, ben al di sotto della media nazionale di 825 euro a mese. Si va dai 682 euro di Fermo ai 714 di Macerata.”

Un primato, quello di Ancona, che diventa assoluto per quanto riguarda le pensioni di vecchiaia. Il capoluogo marchigiano è di gran lunga il primo in Italia, con il 14,4 per cento di assegni contro una media nazionale dell’8,3 per cento. Anche in questo caso tutte le province marchigiane hanno una percentuale di pensioni di vecchiaia superiore alla media nazionale ma gli assegni sono tra i più bassi d’Italia: si va dai 472 euro mensili di Ancona ai 619 di Macerata mentre la media italiana è di 676 euro.”

“Quello degli assegni pensionistici bassi” precisano Cna e Confartigianato Marche “ è una costante anche delle pensioni di anzianità che vanno dai 1,119 euro di Fermo ai 1.479 di Ancona mentre l’assegno medio in Italia è di 1.593 euro. Importi che scendono drasticamente per quanto riguarda le pensioni di invalidità che oscillano tra i 569 euro di Macerata e i 621 di Ascoli Piceno. La provincia marchigiana con il maggior numero di invalidi è Pesaro Urbino che si colloca al nono posto in Italia con il 4,1 per cento degli abitanti contro una media nazionale dell’1,9 per cento. Ancora più bassi gli assegni pensionistici relativi alla sola invalidità civile: si va dai 396 euro di Pesaro e Ascoli ai 406 di Fermo mentre la media nazionale è di 420 euro.”

Di fronte ad una situazione di questo tipo, secondo Confartigianato e Cna, servono servizi sociali e assistenziali per aiutare la maggioranza dei pensionati marchigiani, che sono i più numerosi d’Italia e percepiscono assegni mensili ben al di sotto della media nazionale.

In particolare, è urgente potenziare i servizi per le politiche sociali e per la non autosufficienza prevedendo forme di sostegno economico per le famiglie che accudiscono in casa gli anziani disabili e non autosufficienti. Inoltre va sostenuta l’anzianità fragile con iniziative rivolte a contrastare l’isolamento sociale e favorire la socialità attiva e stili di vita sani. Infine le associazioni artigiane, vista l’esiguità degli assegni, chiedono la rivalutazione delle pensioni, a cominciare dalle minime, che dovrebbero corrispondere all’effettivo aumento del costo della vita.

L’Ufficio Stampa: Paola Mengarelli e Sergio Giacchi

 

Incidenza delle pensioni sulla popolazione residente e assegno mensile
prov % su popolazione euro/mese rank (% su pop.)
AN 40,4 685 2
AP 39,4 699 4
FM 30,8 682 61
MC 34,6 714 27
PU 33,8 702 33
Italia 29,7 825  

 

Incidenza delle pensioni DI VECCHIAIA sulla popolazione residente e assegno mensile
prov % su popolazione euro/mese rank (% su pop.)
AN 14,4 472 1
AP 10,3 611 19
FM 9,6 612 36
MC 9,4 619 44
PU 8,8 601 59
Italia 8,3 676  

 

Incidenza delle pensioni DI ANZIANITA’ sulla popolazione residente e assegno mensile
prov % su popolazione euro/mese rank (% su pop.)
AN 8,2 1479 44
AP 8,8 1256 33
FM 7,6 1119 51
MC 8,7 1235 36
PU 7,1 1352 58
Italia 6,7 1593  

 

Incidenza delle pensioni DI INVALIDITA’ sulla popolazione residente e assegno mensile
prov % su popolazione euro/mese rank (% su pop.)
AN 2,2 601 39
AP 3,3 621 18
FM 2,9 592 23
MC 3,6 569 13
PU 4,1 578 9
Italia 1,9 650  

 

Incidenza delle pensioni DI INVALIDITA’ CIVILE sulla popolazione residente e assegno mensile
prov % su popolazione euro/mese rank (% su pop.)
AN 4,8 402 53
AP 7,1 396 9
FM 3,1 406 101
MC 4,6 399 58
PU 5,9 396 26
Italia 4,8 420