PASSAGGIO AL DIGITALE TERRESTRE, RIUNIONE GIOVEDI’ 29 SETTEMBRE IN REGIONE

In vista dello “switch off”, ’Assessore regionale Sara Giannini incontra le associazioni di categoria . La Cna propone un protocollo d’intesa con la Regione, il coinvolgimento delle associazioni di consumatori  ed una campagna informativa.

 

PASSAGGIO AL DIGITALE TERRESTRE NELLE MARCHE

CODICE ETICO E PREZZARIO CONTRO LE SPECULAZIONI

 

Assenza di canali, numerazione errata, ricezione difettosa. Continua il conto alla rovescia per il passaggio al digitale terrestre nelle Marche e crescono i timori degli utenti . Infatti, nelle regioni dove lo “switc off” è già avvenuto, sono stati segnalati diversi disagi tra cui l’assenza di alcuni canali, i problemi alla ricezione o la difficoltà di risintonizzarli. Il territorio marchigiano passerà al sistema digitale terrestre nell'arco di un periodo del prossimo mese di dicembre. I segnali della televisione analogica verranno gradualmente spenti e sarà possibile ricevere solo con la tecnologia digitale terrestre. Le scadenze sono stabilite da un calendario nazionale, che ha avviato l'aggiornamento nel 2008, iniziando dalla Sardegna, per concludersi il prossimo anno. Nel 2011, oltre alle Marche,  sono interessate le regioni Liguria, Toscana, Umbria,  Abruzzo e Molise.

In previsione del passaggio al digitale terrestre, l’Assessore alla Attività Produttive, Sara Giannini, ha convocato una riunione per giovedì 29 settembre alle ore 10 con le associazioni imprenditoriali al fine di verificare la possibilità di concordare un codice etico ed un prezzario di riferimento per gli impiantisti marchigiani.

“Valutiamo favorevolmente l’iniziativa della Giannini” ha dichiarato il presidente regionale Cna installazione impianti Fabrizio Ferraioli “e parteciperemo alla riunione in Regione presentando il codice etico e il prezzario di qui ci siamo già dotati come impiantisti Cna, al fine di garantire ai marchigiani la massima trasparenza e combattere le speculazioni che inevitabilmente si creeranno nella fase di passaggio al nuovo sistema di trasmissione satellitare per l’installazione di decoder e per gli interventi sulle antenne singole o condominiali.  Sulla base di questi documenti proporremo alla Regione di stipulare un protocollo d’intesa  con la Cna e le altre associazioni degli impiantisti per garantire un passaggio al digitale il più possibile corretto, trasparente e tempestivo, con la individuazione degli interventi e dei costi da praticare ai cittadini. La Regione Marche dovrebbe inoltre impegnarsi a pubblicizzare questo accordo all’interno di una campagna informativa da predisporre sul passaggio al digitale terrestre. Riteniamo infine importante il coinvolgimento delle associazioni dei consumatori in questo percorso”

Alla riunione di giovedì 29 settembre, per la Cna Installazione Impianti Marche parteciperanno il presidente regionale Fabrizio Ferraioli, il coordinatore regionale Giuseppe Maddaloni ed i presidenti provinciali Fausto Piccinini (An); Angelo Albanesi (Fe); Gaetano Pieroni (Ap); Claudio Cardinali (Mc); Francesco Zolfanelli (Pu).