Pensionato Day il 29 aprile

 PENSIONATO DAY 29 APRILE

Mobilitazione in tutte le province d’Italia dei pensionati aderenti al CUPLA

Il CUPLA(Comitato Unitario Pensionati Lavoro Autonomo) rappresentativo di 5 milioni di pensionati, ha indetto una giornata di mobilitazione nazionale “Pensionato Day” per il 29 Aprile 2011.

Una manifestazione che vede in tutte le province d’Italia la presenza unitaria di tutti i pensionati del CUPLA al quale aderiscono le Associazioni i Sindacati dei Pensionati di CNA, Confartigianato, Casartigiani, Coldiretti, CIA, CLAAI, Confcommercio e Confesercenti; per lanciare un forte messaggio alle Istituzioni e al Governo nazionale sul malcontento dei pensionati che devono fare i conti con uno stato Sociale meno attento ai loro bisogni e con le difficoltà quotidiane per condurre una vita dignitosa, mentre l’inflazione ha ripreso a falcidiare i loro trattamenti.

La drastica riduzione del 30% del potere d’acquisto delle pensioni, i recenti tagli apportati dalla “legge di stabilità” che hanno ridimensionato del 76% gli stanziamenti per le politiche sociali negli ultimi tre anni, l’azzeramento del Fondo per la non autosufficienza, la chiusura e/o il ridimensionamento delle strutture sanitarie e la riduzione delle giornate di degenza, sono solo alcuni dei temi rappresentati nella piattaforma propositiva del  29 aprile prossimo.

Una grande manifestazione nazionale articolata al livello regionale e provinciale che i coordinamenti territoriali del CUPLA intendono portare all’attenzione del mondo politico e delle istituzioni di tutti i livelli.

Il CUPLA, come comitato unitario dei pensionati aderenti alle Associazioni di categoria, vuole con questa iniziativa evidenziare la necessità d’ interventi governativi adeguati per uno sviluppo armonico e sostenibile del Paese.

Una società  nella  quale possano convivere e reciprocamente alimentarsi le aspettative e i bisogni degli anziani con il tessuto economico e sociale dell’Italia, per trovare una soluzione adeguata per una fascia della popolazione che non rappresenta certo un peso per la società, ma una risorsa a cui attingere per uno sviluppo più equo della società stessa.

Nei temi del documento proposto al confronto con le istituzioni, grande attenzione e preoccupazione viene posta alla totale assenza di politiche per l’occupazione giovanile e di interventi di consolidamento della buona occupazione, così come si evidenzia la mancanza d’interventi strutturali per far ripartire l’economia,.

Preoccupante risulta l’aumento della povertà e l’anno europeo della lotta alla povertà 2010 è passato senza che questa tendenza venisse arrestata.

La proposta operativa del CUPLA parte dalla richiesta di istituire appositi tavoli di confronto con le autorità nazionali e locali, e per questo si chiede di far conoscere il documento CUPLA sia al rappresentante  locale del Governo, il prefetto, e alle istituzioni locali, perché il PENSIONATO DAY del 29 aprile diventi un appuntamento costante e costruttivo per tutto l’anno tra le associazioni dei pensionati e le forze politiche – istituzionali al fine di sviluppare una società veramente più giusta.