REGIONE, PER I CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DI AUTOTRASPORTO, “CLICK DAY” DAL 26 MARZO

Foto camion soldiCONTRIBUTI REGIONALI ALLE IMPRESE PER L’ADEGUAMENTO

E LA SOSTITUZIONE DI VEICOLI STRADALI DA TRASPORTO MERCI,

“CLICK DAY” DAL 26 MARZO

 

Scatta il 26 marzo il “Click day” per le imprese che possono inviare la richiesta di contributo per l’adeguamento o la sostituzione del loro parco veicoli da trasporto merci obsoleti. E’ questa la metodologia scelta per stilare la graduatoria tra le richieste degli aventi diritto.

 I contributi saranno assegnati secondo l’ordine cronologico di invio degli appositi moduli di domanda mediante posta elettronica certificata, a partire dalle ore 9:00:00 del 26 marzo, fino alle ore 24:00:00 del 12 aprile prossimi.

“Siamo riusciti a mettere insieme una somma importante, ben 1.156.500,00 euro, e speriamo siano in tante le imprese marchigiane che vorranno migliorare il loro parco veicoli dal punto di vista emissivo” spiega l’assessore all’Ambiente, Sandro Donati.

Il bando è stato pubblicato sul BUR Marche n. 11 del 21 febbraio ed è disponibile nella sezione Bandi e Concorsi del sito internet della Regione Marche.

L’assessore Donati precisa inoltre il target a cui sono destinati i contributi: “Le imprese beneficiarie sono quelle di micro o di piccole dimensioni che esercitano qualsiasi attività, inclusa agricoltura e pesca, e che sono residenti in uno dei 61 comuni delle Marche situati nella zona a rischio per la qualità dell’aria”.

I veicoli da sostituire o da adeguare sono quelli di categoria N diesel obsoleti come specificato nel Bando (categoria che può comprende dai “fiorino” fino ai TIR).

Il contributo va da 1.200,00 euro a 2.700,00 euro per l’installazione di dispositivi antiparticolato (fap) su veicoli esistenti e da 3.000,00 euro a 5.000,00 euro per l’acquisizione in proprietà o in leasing o in locazione lunga di veicoli nuovi sostitutivi.

Donati conclude ricordando che al centro va posta sempre la salute del cittadino: “Anche considerando le difficoltà dettate dalla crisi economica, non possiamo trascurare la salute dei cittadini e la qualità dell’aria; ora le imprese con un investimento minimo possono contribuire a migliorare la salubrità dell’ambiente, non solo nella nostra regione ma in tutte le parti del mondo dove circoleranno i loro veicoli”.

 

 

INFO: www.ambiente.marche.it