“RISORGIMARCHE”, AL CONCERTO DI PAOLA TURCI GRANDE SUCCESSO DELLE PRODUZIONI ARTIGIANE ED AGROALIMENTARI NELLE “ISOLE DEL GUSTO”

Gli imprenditori locali artigiani e dell’agroalimentare hanno accompagnato gli artisti dal primo concerto di Niccolò Fabi del 15 giugno e continueranno ad essere presenti fino alle ultime esibizioni del 2 e 3 agosto di Max Gazzè e di De Gregori.

Petrini: “Vincere la paura e valorizzare queste magnifiche terre, rilanciandole dal punto di vista turistico e produttivo, è la scommessa che vogliamo vincere con queste iniziative”

Produzioni vinicole, prodotti da forno, pastifici artigianali, vendita e trasformazione tartufi, artigiani artistici della ceramica, della porcellana e del tombolo, produzione di succhi di frutta, miele e confetture, produzione di olio di oliva, produzione di taglieri in legno, integratori alimentari, dolci e prodotti da forno, lavorazione carni, norcineria, produzione salumi. Le imprese artigiane dell’artistico e dell’agroalimentare hanno partecipato ieri al concerto di RisorgiMarche di Paola Turci ai Piani di Ragnolo tra Fiastra e Sarnano e che continueranno ad affiancare gli artisti fino alle esibizioni finali del 2 e 3 agosto di Max Gazzè e di Francesco De Gregori. Complessivamente sono 150 le piccole imprese agricole e dell’artigianato locale presenti ai concerti gratuiti con le “isole del gusto”, nei parchi montani delle Marche che insistono nelle aree del cratere.

Gli imprenditori locali artigiani e dell’agroalimentare hanno accompagnato gli artisti dal primo concerto di Niccolò Fabi del 15 giugno e continueranno ad essere presenti fino alle ultime esibizioni del 2 e 3 agosto di Max Gazzè e di De Gregori.

“Noi artigiani e piccoli imprenditori” afferma Francesca Petrini presidente Unione Agroalimentare Cna Marche “siamo al fianco delle popolazioni e delle imprese colpite dal sisma. Alle abitazioni ed ai capannoni crollati si sono aggiunti pesanti dannI indiretti che stanno colpendo ancora oggi, a diversi mesi dal terremoto, le imprese del turismo e dell’agroalimentare nelle aree del cratere. Eventi come i concerti di RisorgiMarche servono non solo a lanciare un messaggio di solidarietà, ma anche a rilanciare le attività turistiche, artistiche ed enogastronomiche di una terra che da sempre ha saputo esprimere grandi eccellenze in questi settori. Nei concerti che si sono tenuti fino ad oggi ed ai quali siamo stati presenti con le ‘Isole del Gusto’, abbiamo constatato con piacere un grande interesse del pubblico per le produzioni dell’artigianato e dell’agricoltura locale. Vincere la paura e valorizzare queste magnifiche terre, rilanciandole dal punto di vista turistico e produttivo, è la scommessa che vogliamo vincere con queste iniziative”