SILVESTRINI: “STRETTA CREDITIZIA, DAL 2008 LE IMPRESE HANNO PERSO CIRCA 100 MILIARDI. VANNO RIMOSSI I PALETTI UE ALLE BANCHE”

Foto Silvestrini“L’avvio del Quantitative Easing, come nelle previsioni, ha già contribuito a far calare ulteriormente   le quotazioni dell’euro. Di sicuro una buona notizia per l’Italia, purtroppo oscurata dall’arretramento della produzione industriale e da una nuova fiammata della stretta creditizia”. Lo ha dichiarato Sergio Silvestrini, Segretario Generale della Cna.

“L’Istat rileva – ha proseguito – che a gennaio la produzione industriale è calata del 2,2% rispetto allo stesso mese del 2014. E la Banca d’Italia ci informa che, sempre a gennaio, l’erogazione dei prestiti alle imprese nell’arco di un anno è diminuita del 2,8% contro il -2,6% di dicembre. Sappiamo bene, però, che le dinamiche economiche non vanno lette a intervalli tanto brevi e che la tendenza della produzione industriale rimane rialzista e il calo potrebbe essere solo un aggiustamento tecnico relativo alle scorte dopo due mesi di crescita”.

“Quanto al credito – ha sottolineato – va rilevato, invece, come la gelata sui prestiti alle imprese e alle famiglie sia andata in totale controtendenza rispetto all’andamento della raccolta, cresciuta in un anno del 5%. Si conferma, quindi, anche a inizio 2015 la severità della stretta creditizia che negli ultimi otto anni ha sottratto alle imprese circa 100 miliardi di crediti”.

“I continui innalzamenti dell’asticella da parte dell’autorità di controllo europee – ha concluso Silvestrini – stanno penalizzando gravemente le imprese e vanno rimossi al più presto. E’ necessario, infatti, mettere le banche nelle condizioni di ridare ossigeno alle imprese e offrire nuova liquidità per investire e creare occupazione”.