SONDAGGIO DELLA CNA, LE RICHIESTE DELLE IMPRESE MARCHIGIANE PER LA NUOVA LEGGE DI BILANCIO

La misura più richiesta è la conferma delle detrazioni per le ristrutturazioni edilizie, antisismiche e per il risparmio energetico (32,1 per cento), seguita dalla riduzione dei contributi per i giovani neo-assunti a tempo indeterminato (25,7 per cento) e dalla deducibilità totale dell’Imu dal reddito d’impresa (20,2%).

 MENO TASSE E AGEVOLAZIONI PER ASSUNZIONI E INVESTIMENTI IN UN SONDAGGIO DELLA CNA LE RICHIESTE DELLE IMPRESE MARCHIGIANE PER LA NUOVA LEGGE DI BILANCIO

Sabatini e Gregorini: “I risultati del sondaggio verranno inviati ai Senatori e Deputati   eletti in regione affinchè ne tengano conto nel dibattito parlamentare e nella presentazione degli emendamenti alla manovra Finanziaria.”

Cosa chiedono le piccole imprese marchigiane dalla legge di Stabilità che sarà discussa nei prossimi giorni in Parlamento? La Cna lo ha chiesto ad un campione di oltre cento imprese rappresentativo delle 18 mila imprese associate, attive nei settori manifatturieri, dell’edilizia, del commercio, dei servizi di alloggio e ristorazione, dei trasporti, dei servizi alle imprese e dei servizi alla persona.

In cima alla lista delle aspettative c’è la conferma delle detrazioni per le ristrutturazioni edilizie, antisismiche e per il risparmio energetico (32,1 per cento): è sempre più diffusa la consapevolezza di quanto siano importanti sicurezza e sostenibilità ambientale nell’attività di impresa, oltre che la valutazione attenta delle diminuzioni di costo che si possono ottenere.

Le piccole imprese marchigiane dimostrano voglia di nuove assunzioni. Per questo chiedono la riduzione dei contributi per i giovani neo-assunti a tempo indeterminato (25,7 per cento) e lo sgravio contributivo totale per l’apprendistato professionalizzante (18,4%).

Sul fronte fiscale rivendicano la deducibilità totale dell’Imu dal reddito d’impresa (20,2%), l’aumento della franchigia Irap (11,9%) e l’esclusione della Tari per le superfici sulle quali si producono rifiuti speciali. Il 17,4 per cento si augura anche una riduzione degli oneri e delle imposte nella bolletta energetica. Tasse e costi che incidono pesantemente sulla vita dell’impresa e ne frenano la ripresa.

Il sondaggio della Cna dimostra anche una crescente esigenza di investire di artigiani e piccoli imprenditori marchigiani. Per questo, si aspettano che nella prossima Finanziaria vengano inserite le proroghe del super-ammortamento del 140 per cento per gli investimenti in beni strumentali nuovi (18,3%) e dell’iper-ammortamento del 250 per cento per gli investimenti realizzati in direzione della digitalizzazione e delle nuove tecnologie (11,1%). Infine la proroga degli incentivi per l’acquisto di macchinari previsti dalla legge Sabatini (6,4% ) e la riconferma dei voucher per l’internazionalizzazione (4,6 per cento).

In sintesi, gli imprenditori associati alla Cna chiedono che venga riconosciuto il ruolo della piccola impresa come motore di sviluppo e di crescita, come soggetto che punta a occupazione e innovazione, non ad assistenza o

Invieremo i risultati di questo sondaggio” affermano il presidente Cna Marche Gino Sabatini e il segretario Otello Gregorini “ai Senatori e Deputati eletti nella nostra regione, perché si facciano promotori di queste richieste nella discussione in Parlamento e nella presentazione di emendamenti alla legge Finanziaria. Intanto prendiamo atto favorevolmente del fatto che, nella proposta presentata dal Governo, non ci sono aggravi fiscali sulle imprese e viene accantonato l’aumento dell’Iva. Giudichiamo invece negativamente il fatto che non sia possibile trasformare la detrazione per le ristrutturazioni edilizie in credito d’imposta cedibile. Le famiglie e le imprese devono essere messe in condizioni di vedersi liquidare il creditoto d’imposta dalle banche. Un meccanismo oggi previsto esclusivamente per gli incapienti e limitatamente ai lavori di riqualificazione energetica dei condomini”.

 SONDAGGIO CNA MARCHE SULLA MANOVRA ECONOMICA 2018

LE RICHIESTE DELLE IMPRESE ARTIGIANE ASSOCIATE

 

Quali sono le misure che si aspetta di trovare nella prossima Legge di Bilancio?(Massimo 3 risposte)

Risposte ottenute in ordine decrescente di frequenza %
Conferma detrazioni per la ristrutturazione delle abitazioni al 50%, per riqualificazione energetica al 65% e antisismica al 75% – 85% 32,1
Riduzione dei contributi per i giovani neo-assunti a tempo indeterminato 25,7
Deducibilità totale dell’IMU dal reddito di impresa 20,2
Sgravio contributivo totale per l’apprendistato professionalizzante 18,4
Proroga super-ammortamento del 140% per investimenti in beni materiali strumentali nuovi 18,3
Riduzione degli oneri e delle imposte nella bolletta energetica 17,4
Altro (specificare) 13,7
Aumento della franchigia IRAP 11,9
Proroga dell’iper-ammortamento del 250% per i beni in chiave 4.0 11,1
Proroga degli incentivi per l’acquisto di macchinari previsti dalla Legge Sabatini 6,4
Esclusione dalla TARI delle superfici sulle quali si producono rifiuti speciali 6,4
Definizione delle caratteristiche delle imprese esenti dal pagamento dell’IRAP per l’assenza di autonoma organizzazione 4,6
Riconferma dei voucher per l’internazionalizzazione (TEM – Temporary Export Manager) 4,6